Irrigazione a goccia

irrigazione a goccia impianti
L’irrigazione a goccia viene anche detta microirrigazione o irrigazione localizzata ed è una pratica di irrigazione del terreno che consiste nel far depositare l’acqua sulla superficie e vicino alla pianta, molto lentamente. Un impianto di irrigazione a goccia è composto da valvole, condotti e gocciolatori. L’impianto può funzionare in maniera continua oppure a intermittenza, in questo caso viene chiamato “a sorsi”, poiché l’irrigazione avviene con degli intervalli regolari. I gocciolatori sono inseriti in dei tubi detti ali gocciolanti e servono per irrorare la pianta d’acqua. Le ali gocciolanti possono essere rigide o flessibili, le prime durano più a lungo, ma la realizzazione di un impianto di irrigazione a goccia con ali gocciolanti rigide è più dispendiosa. E’ possibile anche interrare i tubi, soluzione questa tra le più care, ponendo i gocciolatori a parità con il terreno.
L’irrigazione a goccia solitamente è utilizzata per la coltivazione arborea, mentre l’irrigazione a pioggia per la coltivazione ortiva. Da un decennio a questa parte l’irrigazione a goccia ha preso piede anche per la coltura di ortaggi, fino ad essere impiegata anche in ambito industriale per la coltivazione del pomodoro industriale. Questa pratica di irrigazione permette non solo di risparmiare acqua, ma anche di risparmiare manodopera.
Esiste una variante di irrigazione a goccia, detta irrigazione a spruzzo, che si differenzia dalla prima per l’impiego di microspruzzatori al posto dei gocciolatori.
L’irrigazione a goccia iniziò a svilupparsi a partire dal 1860 in Germania: i tubi utilizzati erano costruiti in argilla. Quando dopo la seconda guerra mondiale l’industria dei tubi si evolse, vennero introdotti dei moderni tubi in materiale plastico che permisero miglioramenti sostanziali, tanto da rendere questa pratica diffusa anche non solo in tutta Europa, ma anche in America.
I sistemi di irrigazione a goccia se istallati bene e gestiti altrettanto possono ottimizzare l’utilizzo dell’acqua, evitandone lo spreco. Il motivo è semplice: la pratica dell’irrigazione a goccia permette di somministrare l’acqua in maniera più precisa alle radici delle piante, diversamente da quanto accade con l’irrigazione a pioggia.
Va detto che un impianto di irrigazione mal fatto e mal gestito può, invece di far risparmiare, provocare perdite di denaro. Utilizzate quindi, se non siete esperti del settore, un kit di irrigazione ben sviluppato.

9 Commenti

LASCIA UN COMMENTO